Aviva Italia S.p.A.

Area Danni

La Società costituita ai primi del 1988, è attiva nei Rami Danni. L’impegno industriale è rivolto alla realizzazione e diffusione di prodotti assicurativi qualitativamente elevati, in grado di garantire sicurezza ai clienti. Opera attraverso una capillare rete di vendita agenziale, con una specializzazione nei rischi della Linea Persona.

La raccolta premi al 31.12.2017 è stata di circa 411,5 milioni di Euro.

Sede legale e sede sociale in Italia
Via Scarsellini 14 20161 Milano
Tel. 02 2775.1 Fax 02 2775.204

Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano, Codice Fiscale 09197520159 Partita IVA 10540250965 Società appartenente ad Aviva Gruppo IVA R.E.A. di Milano 1277308 Capitale Sociale Euro 45.684.400,00 (i.v.) Società con unico socio soggetta a direzione e coordinamento di Aviva Italia Holding S.p.A.
Impresa autorizzata all'esercizio delle assicurazioni con decreto del Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato n. 18652 del 09/10/1990 (Gazzetta Ufficiale n. 247 del 22/10/1990) e con Provv. ISVAP n. 2282 del 25/05/2004 (Gazzetta Ufficiale n. 128 del 03/06/2004 Iscrizione all'Albo delle Imprese di Assicurazione n. 1.00091 Iscrizione all'albo dei gruppi assicurativi n. 038.00005

Compagnia soggetta a vigilanza dell'IVASS.

Informazioni sulla situazione patrimoniale della Società
In base all’ultimo bilancio approvato, l’ammontare del patrimonio netto di Aviva Italia S.p.A. è pari a Euro 162.118.707 di cui il Capitale Sociale ammonta a Euro 45.684.400 e le Riserve Patrimoniali comprensive del risultato dell’esercizio a Euro 104.410.151. L’indice di solvibilità dell’Impresa di Assicurazione calcolato in funzione del requisito di capitale basato sullo specifico profilo di rischio dell’Impresa stessa è pari al 139%.
L’indice di solvibilità calcolato sul requisito minimo patrimoniale richiesto è pari al 329%. Dalla "Relazione sulla Gestione Bilancio 2017" Con riferimento al Ramo Responsabilità Civile Autoveicoli Terrestri si evidenzia che la riduzione degli oneri per sinistri, derivante dall’accertamento delle frodi conseguente all’attività di controllo e repressione svolte autonomamente dall’impresa nel corso del 2017 è stata pari ad € 2.780.612 ed ha riguardato n. 578 sinistri.